Alterazione delle rocce DNAPL

Enciclopediambiente

Dissoluzione

Scrivici...

Invia messaggio
Dissoluzione

La dissoluzione è l’operazione mediante la quale un reagente viene portato in soluzione, cioè disciolto, in un adatto solvente. La maggior parte delle reazioni avviene con i reagenti sotto forma di soluzione, è quindi importante conoscere a fondo la manualità di tale operazione. Il solvente più comunemente usato, in quanto è quello che scioglie la maggior parte delle sostanze inorganiche, ed anche molte sostanze organiche, è l’acqua (H2O).

Il recipiente che ci consente di effettuare l’operazione in modo veloce ed efficiente è, normalmente, il becker. L’ordine delle operazioni è il seguente:

  • il reagente allo stato solido, polverizzato e pesato quando necessario, viene trasferito quantitativamente nel becker. Ciò significa che dal recipiente che lo contiene (becker, vetro da orologio, ecc.), bisogna trasferire tutto il reagente nel becker, di opportune dimensioni, nel quale avverrà la dissoluzione. A tale scopo, mediante l’uso della spruzzetta, il recipiente viene lavato ripetute volte con pochissima acqua, cercando ogni volta di sciogliere e asportare la maggior parte del reagente rimasto eventualmente aderente alle pareti, fino a che il trasferimento non possa dirsi completo;
  •  al reagente nel becker viene aggiunta un’opportuna quantità di solvente, agitando con l’apposita bacchetta di vetro, fino a completa dissoluzione.

Attenzione! Non tutte le sostanze si disciolgono con la stessa velocità, quindi, prima di aggiungere ulteriore solvente, è necessario agitare a lungo, ed eventualmente scaldare, onde non diluire eccessivamente la soluzione.

  • quando non si abbia più presenza di reagente allo stato solido e la soluzione si presenti limpida, omogenea ed anche dopo raffreddamento non si verifichi separazione in due fasi, l’operazione può dirsi conclusa.

Per ottenere i migliori risultati, è opportuno adottare i seguenti accorgimenti:

  • nel caso di trasferimento di reagente da un vetro da orologio in un becker, usare sempre, ove possibile, un becker di diametro più grande del vetro da orologio. Quest’ultimo dovrà essere tenuto inclinato sulla bocca del becker, e il getto della spruzzetta verrà diretto in modo da far defluire le acque di lavaggio direttamente all’interno del becker stesso;
  • l’agitatore dovrà essere usato in modo da non sollevare spruzzi di liquido,e soprattutto non dovrà mai essere estratto dal becker durante il corso dell’operazione. Quando l’agitatore avrà esaurito il suo compito, verrà lavato direttamente all’interno del becker con la spruzzetta, prima di essere estratto e riposto;
  • durante il riscaldamento, è opportuno evitare di raggiungere la temperatura di ebollizione del solvente. Quando ciò risultasse necessario, coprire il becker con un vetro da orologio, in modo da evitare che schizzi di liquido fuoriescano dal recipiente.


Valuta