Acidi Acque superficiali

Scrivici...

Invia messaggio
Acqua

Il composto chimico H₂O, il più diffuso sulla Terra e, fra l’altro, indispensabile negli organismi biologici. A. giovanile, o iuvenile: v. oltre: Ciclo dell’acqua. A. meteorica: quella che costituisce le precipitazioni meteorologiche. A. pesante: acqua nella cui molecola compaiono due atomi dell’isotopo deuterio dell’idrogeno, D₂O. A. precipitabile: nella meteorologia, la quantità di a., contenuta in un volume atmosferico, che, per effetti dinamici e termici, può effettivamente cadere al suolo. Ciclo dell’a.: ciclo chiuso cui l’a. è sottoposta per azione del calore solare. Dalla superficie marina o terrestre l’a. sale per evaporazione nell’atmosfera, ove si condensa e ricade sulla superficie terrestre sotto forma di pioggia, neve, grandine, brina e rugiada; di essa parte resta in superficie, parte, attraverso pori e spaccature delle rocce, scende in zone più o meno profonde dove, arrestata dall’incontro di terreni impermeabili, scorre con leggi analoghe a quelle delle a. superficiali finché, per via naturale o per richiamo provocato artificialmente, ritorna in superficie, ove ricomincia il ciclo. Non tutta l’a. che arriva al suolo ritorna in circolazione, perché una certa porzione reagisce chimicamente con altre sostanze e non ricompare come a. finché nuovi processi geochimici non la liberano dai minerali nei quali è combinata; la perdita è compensata anche dalle a. di nuova formazione che si originano nelle grandi profondità per combinazione di idrogeno e ossigeno ad alta temperatura (a. giovanili). Nel compiersi di tutto il ciclo idrologico l’a. viene a contatto con sostanze solide (soprattutto sali), liquide e gassose, che in parte essa dissolve o porta in sospensione; essa non è quindi mai pura, e ciò vale anche per l’a. meteorica che, attraversando strati più o meno spessi dell’atmosfera, porta in soluzione alcuni dei componenti dell’aria e trascina il limo atmosferico.


Valuta